Ipertensioone arteriosa - Dianese Claudio - Naturopata - Spino d'Adda (CR)

Vai ai contenuti

Menu principale:

Consigli della settimana > archivio 2012

Ipertensioone arteriosa.
Cos'é e come si affronta.



L'ipertensione arteriosa (nota comunemente come pressione alta) è una condizione patologica diffusissima nei paesi industrializzati.In base a stime recenti, nel nostro paese l'ipertensione arteriosa interessa circa il 21% dei soggetti di sesso maschile e circa il 24% dei soggetti di sesso femminile;

si può quindi calcolare che le persone ipertese in Italia sono circa 12 milioni, un dato sicuramente impressionante. Molte di queste persone (si stima circa la metà) tra l'altro ignorano il fatto di soffrire di ipertensione arteriosa e vengono a scoprirlo soltanto dopo normali visite di routine.

Il problema maggiore è che, una volta scoperta la presenza della patologia, non tutti riescono a controllarla efficacemente e tantomeno riescono a riportare i propri valori pressori entro il range di normalità. Spesso, la scoperta dell'ipertensione arteriosa in un soggetto induce il medico a intervenire farmacologicamente, una scelta che in alcune occasioni potrebbe essere evitata, considerati i pesanti effetti collaterali legati alle terapie anti-ipertensive.
Sicuramente l'ipertensione arteriosa è una condizione salutisticamente preoccupante, essa infatti provoca un danno alle arterie con ispessimento e depositi di grassi all'interno delle pareti, causa inoltre danni in diversi organi: dall'ictus cerebrale (occlusione o rottura di un'arteria del cervello), all'infarto (occlusione di una coronaria), all'insufficienza renale (occlusione di un vaso del rene), a cardiopatie (per il superlavoro che il cuore deve svolgere per pompare il sangue), a disturbi visivi (occlusione dei vasi della retina).

COSA FA BENE E COSA FA MALE ALL’IPERTENSIONE ARTERIOSA

  • Le albicocche secche hanno il triplo di potassio delle banane e contengono solo una traccia di sale: l'ideale, per il contenimento della pressione sanguigna. Recenti ricerche hanno dimostrato che consumare più potassio che sodio risulta protettivo contro la pressione alta e le malattie cardiache.

  • Il Cetriolo: Mangiare un cetriolo a crudo sembrerebbe avere effetti benefici sulla pressione arteriosa.

  • Il Sedano: Il sedano contiene una sostanza che riduce la pressione sanguinea, l’uomo dovrebbe consumare circa 4 porzioni di sedano al giorno.

  • Il Sale: Riduci l’uso del sale. Usare molto sale è la prima causa di ipertensione dovuta all’alimentazione. In alternativa al sale è vivamente consigliabile l’uso delle spezie.

  • Il Caffè: Riduci il numero di caffè giornalieri.

  • Lo stress. Controlla e cerca di ridurre lo stress, l’ansia e le tensioni in generale.

  • L’emotività influisce negativamente sulla pressione arteriosa. In studio da me, puoi praticare alcune tecniche per ridurre lo stress, l’ansia ed avere più autostima, con le tecniche di pensiero positivo e massaggi.

  • Magnesio. Il magnesio (insieme al potassio e alla riduzione del sale) è un elemento molto importante per tenere sotto controllo la pressione. Più magnesio assumiamo e minore sarà il rischio di ipertensione.

  • La vitamina C: dilata i vasi sanguigni ristretti, di conseguenza la pressione esercitata dal sangue è minore; frutta e verdura, come peperoni rossi, cavoli rossi, agrumi (mandarini, arance), kiwi, fragole, patate, contengono vitamina C.

  • Gli Omega-3: acidi grassi che favoriscono una corretta circolazione, impedendo la formazione di coaguli nei vasi sanguigni (e, probabili, conseguenti attacchi di cuore); gli Omega-3 sono presenti nel pesce, specialmente nella trota e nel salmone.



Come facevano i nostri nonni a curare l’ipertensione arteriosa?
Nonna Ada, ci insegna a fare una tisana per l’ipertensione arteriosa.
Miscela 50 g di foglie di menta,
100 g di regina dei prati,
50 g di foglie di olivo,
50 g di fiori di biancospino
e 50 g di fiori di arancio selvatico.
Porre un cucchiaio della miscela in una tazza o tisaniera,
aggiungi l’acqua bollente e lascia in infusione per circa 10 minuti.
Puoi dolcificare con miele.
Da assumere al mattino o alla sera prima di coricarsi.





N. B. Questi consigli sono solo a titolo informativo, in generale, per la soluzione del tuo problema personale, fissa un appuntamento, in studio da me e troveremo la soluzione mirata, per il tuo benessere.
Claudio Dianese – Naturopata tel. 338 6599580.

17 Dicembre 2012

 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu