Gastroenterite - Dianese Claudio - Naturopata - Spino d'Adda (CR)

Vai ai contenuti

Menu principale:

Consigli della settimana > archivio 2014

ARCHIVIO

GASTROENTERITE
Cos'é, sintomi e rimedi


La gastroenterite è comunemente chiamata influenza intestinale. Si tratta di un’infiammazione dell’intestino causata da un germe che provoca diarrea e vomito.

Come combattere la gastroenterite?

La gastroenterite si prende mangiando alimenti contaminati o bevendo acqua sporca, ma anche attraverso il contatto diretto con i malati.
Quindi, per evitare di essere infettati non esistono segreti, occorre:

  • Prestare attenzione all'igiene delle mani e delle superfici. Lavarsi le mani con sapone quanto più spesso possibile e accuratamente, non scambiarsi bicchieri o posate quando si è a tavola.

  • Attenzione alla preparazione dei cibi.

  • Durante la preparazione dei pasti (in particolare quando si è in gruppo con altre persone), è necessario attenersi a severe regole igieniche (lavarsi le mani, indossare guanti monouso). Le persone malate non devono ovviamente partecipare alla preparazione dei cibi.


Per quanto riguarda i bambini e gli anziani, cercare di far bere una grande quantità di acqua o speciali soluzioni di reidratazione in vendita in farmacia. E se sei te in prima persona a essere malato, bevi molta acqua.

Bevi molto per evitare la disidratazione

Vomito e diarrea comportano una perdita di liquidi e di sali minerali. Per compensarla ed evitare la disidratazione, devi bere molto: almeno 2 litri di liquidi al giorno (preferibilmente acqua naturale e ricca di sodio, brodo di verdure salato, tisane zuccherate...). Evita le bibite gassate che possono favorire i meteorismi e, naturalmente, evita le bevande alcoliche che favoriscono la disidratazione.
Inoltre, è consiglio di bere a piccoli sorsi per evitare che torni la nausea: grandi sorsate influiscono sullo stimolo del vomito.
Una volta raggiunta un certo livello di stabilità nella tolleranza dei liquidi puoi iniziare a reintegrare gli alimenti.


Riprendi poco a poco un’alimentazione varia

Durante i primi giorni, spesso, è difficile mangiare. Man mano che il transito si calma è importante riprendere un’alimentazione varia. Non appena ricominci a mangiare, ti consiglio di fare più pasti nel corso della giornata.
In quel caso è preferibile scegliere: pesce bollito o cotto a vapore, carne ai ferri, riso ben cotto, pasta, carote cotte, yogurt, mele grattugiate o a pezzetti, banane mature e fette biscottate con miele o gelatine di frutta.
Invece devi evitare gli alimenti ricchi di fibra che stimolerebbero il transito intestinale. Non mangiare quindi cereali integrali (pane integrale, riso integrale...), frutta e verdure crude e legumi (fagioli secchi, lenticchie...).
Nei tre giorni successivi a questo episodio di diarrea, evita gli eccessi e riprendi progressivamente la tua alimentazione normale.

Come reintrodurre i cibi nella tua dieta

Per riabituarti a mangiare ti consiglio, alimenti come i crackers, le banane, il pane tostato, il riso e il pollo, sono più facili da digerire. Ovviamente, se la nausea si ripresenta, non forzarti.
Perché consiglio questi alimenti? Essi sono costipanti, favoriscono la reidratazione e ti daranno un po' di forza. Per ripristinare maggiormente i sali minerali persi a causa della diarrea, puoi aggiungere alla tua dieta una soluzione di reidratazione orale.


Quali cibi evitare

Qui di seguito una lista di alimenti da evitare, perchè possono peggiorare la tua situazione.

  • bevande zuccherate: rendono le feci più liquide, a causa dello zucchero che, transitando attraverso l'apparato digerente, attira verso di sé più acqua

  • i succhi di frutta  

  • caffeina: le bevande contenenti questa sostanza non disidratano ma nemmeno favoriscono particolarmente l'idratazione; agiscono come diuretici e come lassativi

  • il latte e i suoi derivati: possono solo che peggiorare la diarrea


Infine, cerca di riposare: questa malattia, e la disidratazione che ne consegue, potrebbe indebolirti e spossarti molto.


Digitopressione

Ottimo rimedio Naturopatico, la digitopressione al polso contribuisce a gestire la diarrea e il vomito, in studio da me puoi imparare velocemente i punti esatti da trattare, senza sbagliare.


Come facevano i nostri nonni
a combattere la gastroenterite?
Nonna Ada consiglia:
zuppa di carote.
La diarrea e il vomito, puoi curarli anche con la zuppa di carote,
che combatte la disidratazione
e rifornisce il corpo di sodio, potassio, fosforo, calcio e magnesio.
Come si cucina ?
Metti le carote in 150 ml d’acqua finché le carote sono morbide.


N. B. Questi consigli, sono solo a titolo informativo, in generale. Evita il fai da te. Per la soluzione del tuo problema personale, fissa un appuntamento, in studio da me e troveremo la soluzione mirata e personalizzata per il tuo benessere.
GLI EVENTUALI INTEGRATORI DA ME CONSIGLIATI, LI PUOI ACQUISTARE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE IN FARMACIA.
Claudio Dianese  Naturopata,  Professionista disciplinato ai sensi della legge n. 4/2013. Tel. 338 6599580 (reperibile al telefono dalle ore 08:00 alle 20:00)

www.egiabenessere.it    e-mail info@egiabenessere.it


25 Gennaio 2014

 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu