Domande Frequenti - Dianese Claudio - Naturopata - Spino d'Adda (CR)

Vai ai contenuti

Menu principale:




Chi è il Naturopata?


Il Naturopata è un consulente in discipline Bio-naturali che, attraverso molteplici tecniche, favorisce il mantenimento dello stato di salute e di benessere della persona, in base alle sue caratteristiche costituzionali ovvero valuta la predisposizione ad alterazioni funzionali ed organiche, le capacità reattive dell’individuo, l’alimentazione, le abitudini e lo stile di vita; fornendo suggerimenti sull’uso di alimenti, prodotti naturali ed integratori.




Che differenza c’è tra Naturopata e Medico?


Il Naturopata é un operatore non sanitario che, contrariamente al medico, non effettua la diagnosi di malattie ma valuta il soggetto esaminando le sue predisposizioni costituzionali e si propone di stimolare le sue capacità di riequilibrio nei confronti della disarmonia.
Il medico ha il compito esclusivo di pronunciare una diagnosi di patologia e prescrivere terapie. Egli interviene quando una malattia è già tendenzialmente conclamata.
Il Naturopata, a differenza del medico, non cura la patologia ma ricerca le cause all’origine dello squilibrio che l’hanno generata, intervenendo con la stimolazione delle capacità di autoguarigione dell’individuo, aiutandolo a ritrovare lo stao di armonia e salute.








Come si svolge una consulenza naturopatica?


La consulenza in Naturopatia è un consulto di circa 1 ora in cui si valutano le differenti caratteristiche dell’individuo. Consta in una fase preliminare in cui il naturopata indaga sulla persona e sul suo stile di vita. Successivamente si analizzano le caratteristiche fisiche ed energetiche, le predisposizioni, gli aspetti metabolici, le condizioni di squilibrio presenti, nonché gli obiettivi che si vogliono raggiungere. Infine il naturopata elaborerà un trattamento personalizzato, anche attraverso l’ausilio di tecniche, rimedi, regimi alimentari, che potranno essere associati anche ad eventuali terapie mediche come sostegno alle stesse.








Per quali problemi è indicato rivolgersi ad un Naturopata?


Ricordando che il naturopata si occupa del benessere della persona integrata nella sua condizione famigliare, sociale ed ambientale e che il suo campo d’azione si colloca nelle aree non specificatamente mediche della salute, non avendo finalità nè diagnostiche e nè terapeutiche, ma di stimolo delle capacità di auto-guarigione della persona nella sua globalità, si può affermare che la Naturopatia può comportare benefici per una vasta gamma di problematiche ed essere d’aiuto:

  • nelle difficoltà digestive e nelle problematiche gastrointestinali (stipsi, gonfiori, gastriti..),

  • in problematiche legate allo stress come ansia, angoscia, insonnia, nervosismo, dolori muscolo-tensivi, disturbi dell' umore,

  • per rafforzare il sistema immunitario, soprattutto nei cambi di stagione nella prevenzione nel confronto di infezioni,

  • nella prevenzione e per il sostegno terapeutico nelle allergie stagionali o nelle manifestazioni infiammatorie,

  • per controllare il proprio peso  ed elaborare piani personalizzati e per intervenire nella rieducazione alimentare,

  • per la prevenzione degli squilibri metabolici e degli ormoni,

  • nelle problematiche di origine psicosomatica.





Chi si affida al Naturopata deve sospendere le cure mediche?


Assolutamente no e consigliarlo è da incoscienti, oltre che pericoloso per la salute. La Naturopatia è una medicina complementare, come tale è in grado aiutare l’organismo a rispondere meglio alle cure mediche e a velocizzare la convalescenza, ma non rappresenta mai una terapia, né puo’ sostituirla. Diffidate da chi vi consiglia il contrario.










Che percorso di studio segue un Naturopata?


Il percorso didattico per diventare Naturopata professionista, in linea con gli standard formativi europei, consiste in un quinquennio di studio, seguito da un anno integrativo e di tirocinio delle materie apprese.
La didattica delle medicine non convenzionali, al pari della figura del naturopata è attualmente riconosciuta dalla Camera dei Deputati e dal Senato della Repubblica con la definizione: "Professionista Disciplinato ai sensi della Legge n.4/2013".
Il consiglio è quello di affidarsi solo a consulenti con alle spalle una solida preparazione professionale.








 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu