Cellulite - Dianese Claudio - Naturopata - Spino d'Adda (CR)

Vai ai contenuti

Menu principale:

Consigli della settimana > archivio 2013

ARCHIVIO

CELLULITE
Cos'é e Come eliminarla con la Naturopatia


Cos’e’ la cellulite?

La cellulite, definita col termine tecnico "pannicolopatia-edemato-fibro-sclerotica" è considerata un inestetismo che colpisce circa l'80-90% delle donne. Si evidenzia soprattutto in alcune zone del corpo (cosce, glutei e fianchi), particolarmente sensibili all'azione degli ormoni sessuali femminili (estrogeni) che tendono a far ritenere liquidi e accumulare grasso. Si instaura nell'ipoderma, tessuto prevalentemente adiposo posto al di sotto dello strato più superficiale della cute (derma), mostrando esternamente, sulla pelle quell’effetto antiestetico, chiamato “buccia di arancia” e dolore al tatto, vediamo ora, nello specifico i quattro stadi della cellulite.


Gli stadi della cellulite

  • 1° stadio - Il derma perde parte della sua elasticità a causa della presenza di un edema (ritenzione di liquidi) dovuto ad una alterazione del ricambio.

  • 2° stadio - La pelle si presenta più chiara, fredda e meno sensibile al tatto. Perde ulteriore morbidezza ed elasticità. Le fibrille reticolari che circondano i depositi di grasso (adipociti) si ipertrofizzano (aumento di numero e spessore). La microcircolazione sanguigna diventa difficoltosa.

  • 3° stadio - Fase fibrosa dove gli scambi di sostanze nutritive (metabolismo) e rimozione delle sostanze di rifiuto cellulare (catabolismo) presentano notevoli difficoltà a causa della formazione di micronoduli inglobati all'interno di fibrille collagene. Il connettivo che tiene insieme le cellule e i tessuti si sclerotizza, ovvero non è più irrorato e nutrito in maniera adeguata. Compare il dolore al tatto e l'inestetica pelle a "buccia di arancia".

  • 4° stadio - Fase sclerotica che vede i micronoduli unirsi e occupare aree più grandi. Sono dolenti al tatto, al sollevamento della cute e alla mobilità. Questa fase è un processo irreversibile che porta alla fibrosi diffusa e profonda. La cute pallida, l'ipotermia (abbassamento della temperatura cutanea) e la pelle assottigliata a buccia di arancia si evidenziano sempre di più fino alla comparsa di "striature" biancastre o giallo biancastre. Aumenta anche il dolore locale, sia spontaneo sia al tatto.


Come eliminarla con la Naturopatia

Ora che finalmente è arrivato il caldo e l’estate è alle spalle, non c’è più tempo da perdere per eliminare la cellulite quindi la pelle a “buccia di arancia”, per la prova costume.
La prima cosa da fare, per un risultato veloce e risolutivo è venire in studio da me per un ciclo mirato, in base al tuo stadio di cellulite, personalizzato e intensivo di massaggi linfodrenanti anticellulite.
La seconda cosa da fare è correggere la tua alimentazione, lo puoi fare facendo il test delle intolleranze alimentari, in studio da me.
Di seguito elenco in ordine alfabetico alcuni alimenti per combattere la cellulite poveri di sodio e ricchi di potassio, in grado di ridurre la ritenzione idrica.
l’importante è non essere intollerante, a questi alimenti, altrimenti potresti peggiorare la tua situazione, in studio da me, possiamo scoprirlo insieme e velocemente col vega test.


ANANAS: mangiato a fine pasto, facilita la digestione e ha un effetto diuretico. Apporta soltanto 40 calorie per etto.

BANANA: è ricca di fibre idrosolubili come le pectine, che hanno la capacità di legare, intrappolare ed espellere le particelle tossiche che favoriscono la comparsa di cellulite. Contiene anche zolfo, che favorisce la depurazione, e potassio, che tiene a bada il livello di sodio nell'organismo, contrastando quindi la ritenzione idrica. Attenta a non esagerare, però, perché le banane sono un frutto calorico.


CARCIOFO: contiene la cinarina, una sostanza che facilita il flusso di bile, dunque migliora l'efficienza del fegato stimolandone il metabolismo dei grassi.

CAROTA: è ricca di principi attivi, primo tra tutti il carotene, precursore della vitamina A, elemento prezioso per la tonicità dei tessuti. Regolatrice della funzione intestinale ed epatica, ha anche proprietà diuretiche e depurative ed è utile nei casi di meteorismo.

CILIEGIE: forniscono soltanto 38 calorie per 100 grammi
e sono ricche di vitamine, come la E, che contrastano l'invecchiamento cellulare. Contengono polifenoli, importanti antiossidanti, e pigmenti vegetali che combattono le infiammazioni a livello dei tessuti.


ERBE AROMATICHE:Timo, origano, maggiorana, così come le spezie, ti aiutano a insaporire i cibi senza aggiungere sale o intingoli vari. Le calorie del piatto sono le stesse e nel medesimo tempo combatti la ritenzione idrica.

FRUTTI DI BOSCO: Mirtilli, more, lamponi e fragoline di bosco sono preziosi alleati della circolazione. Consumali appena puoi. Vanno bene anche i frutti surgelati, che hanno le stesse proprietà della frutta fresca.

KIWI: molto ricco di vitamina C, utile nel proteggere i vasi capillari che sono più a rischio di rottura in caso di cellulite, a causa della pressione esercitata dai liquidi in eccesso. Per questo motivo non farti mancare le arance e gli altri agrumi.

LATTUGA: È ricca di colina, una sostanza che ha scarso valore nutritivo ma un eccellente valore metabolico. Produce i componenti principali della membrana cellulare, come la lecitina, ed è responsabile del corretto assorbimento di grassi. Senza la colina, il fegato non riuscirebbe a smaltirli bene.

LEGUMI
: Sì a pranzo o a cena, due-tre volte a settimana. Ceci, fagioli, piselli e lenticchie sono leggeri, ricchi di proteine, vitamine, sali minerali e fibra, in particolare cellulosa, si digeriscono facilmente e saziano. I legumi sono un ottimo secondo al posto della carne o un piatto unico completo ed equilibrato se mangiati con pasta o riso.

Segui un regime alimentare equilibrato, chiedendo
sempre consulto al proprio Naturopata, per ottenere, effetti veloci, sicuri e soddisfacenti. Evita il fai da te.



Come facevano i nostri nonni a combattere la cellulite?
Nonna Ada consiglia fondi di caffè contro la cellulite,
dopo averli ridotti in una poltiglia abbastanza omogenea
e applicati sulle cosce, glutei e fianchi .
Puoi unire ai fondi di caffè del miele oppure un po' di olio d'oliva.
Fissa con della pellicola trasparente e lascia in posa per circa mezz'ora.
La pelle acquisterà da subito luminosità grazie all'effetto scrub
e in poche settimane la caffeina farà il resto.



N. B. Questi consigli sono solo a titolo informativo, in generale, per la soluzione del tuo problema personale, fissa un appuntamento, in studio da me e troveremo la soluzione mirata, per il tuo benessere.
Claudio Dianese – Naturopata tel. 338 6599580.

15 Giugno 2013

 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu