Bruciore di Stomaco - Dianese Claudio - Naturopata - Spino d'Adda (CR)

Vai ai contenuti

Menu principale:

Consigli della settimana > archivio 2013

ARCHIVIO

BRUCIORE DI STOMACO
Cause e Rimedi naturopatici


Il bruciore di stomaco può avere diverse cause, dalla gastrite all’ulcera gastrica, dall’ulcera duodenale al reflusso gastroesofageo.
Ci sono comunque anche fattori emozionali che entrano in gioco, specialmente se si ha a che fare con l’ansia e lo stress.

Il tragitto del cibo

Un complesso sistema di 29 muscoli della bocca e della lingua concorre alla deglutizione. I muscoli chiudono la trachea per proteggere i polmoni, quindi spingono il cibo nell’esofago, uno stretto tubo lungo dai 25 ai 33 cm che scende dalla gola allo stomaco.

Cosa mangiare e cosa evitare

L’alimentazione di chi soffre di bruciore di stomaco deve essere molto sobria, preferendo alimenti facilmente digeribili.

Meglio limitare il consumo di succhi di frutta, di caffè, di Coca-Cola.
Bisognerebbe evitare di mangiare cibi troppo freddi o troppo caldi e di bere bevande gassate. Meglio lasciar perdere spezie, pomodori, cioccolata, aglio, cipolla e succo di limone.

Sarebbero da privilegiare il pane, la pasta e i cibi ricchi di fibre, perché sono in grado di assorbire gli acidi in eccesso.

Tra i rimedi naturopatici specifici per i bruciori e i dolori di stomaco, esistono fitoterapici in grado di riequilibrare l’infiammazione e migliorare la funzione digestiva. Un posto di rilievo è occupato dalla liquirizia (Glycyrrhiza glabra), la cui radice ha proprietà antinfiammatorie, antispasmodiche, cicatrizzanti e protettive della mucosa ed è quindi utile in tutte o quasi le problematiche gastroesofagee, tra cui persino nell’ulcera.

Le formulazioni migliori di liquirizia sono le compresse, le capsule o le tavolette di estratto secco titolato e standardizzato almeno al 4% in glicirrizina, il principio attivo più importante della liquirizia.

Nei soggetti che soffrono di ipertensione sono tuttavia da preferire le preparazioni deglicirrizinate (o deglicirrizzate, anche indicate con la sigla DGL) ovvero prive di glicirrizina, che può innalzare la pressione arteriosa. L'efficacia della liquirizia è comunque garantita dalla
presenza di altri principi attivi utili per il benessere dello stomaco, come i flavonoidi.




Come facevano i nostri nonni
a combattere il bruciore di stomaco?
Nonna Ada consiglia
una tisana di semi di finocchio,
un vero toccasana per il sistema digestivo.



N. B. Questi consigli sono solo a titolo informativo, in generale, per la soluzione del tuo problema personale, fissa un appuntamento, in studio da me e troveremo la soluzione mirata, per il tuo benessere.
Claudio Dianese – Naturopata tel. 338 6599580.

2 Giugno 2013

 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu