Alito cattivo - Dianese Claudio - Naturopata - Spino d'Adda (CR)

Vai ai contenuti

Menu principale:

Consigli della settimana > archivio 2013

ARCHIVIO     



ALITO CATTIVO?
Cure e Rimedi naturopatici




Con il termine alitosi, o alito cattivo, si indica l’odore sgradevole che si emette durante la respirazione; è un disturbo che può colpire soggetti di qualsiasi età e sesso, anche se il problema si presenta con maggior frequenza all’aumentare dell’età.
L'alito cattivo è il risultato di batteri che producono cattivi odori in bocca è spesso fonte di disagio, provocando un forte imbarazzo in chi ne è colpito.
E’ però possibile combatterlo in maniera efficace, con rimedi Naturopatici, alla base dell’alito cattivo c’è infatti, una “cattiva” alimentazione. Prodotti alimentari come l’aglio e la cipolla, sono responsabili di un alito pesante (alitosi).
Anche l’igiene orale riveste un’importanza fondamentale: non lavarsi i denti, o non farlo nella maniera corretta, dopo i pasti, favorisce l’insorgere di batteri del cibo che si vanno accumulando in bocca, specie tra i denti, rilasciando composti di zolfo capaci di conferire il caratteristico cattivo odore al nostro respiro.
La cavità orale, la superficie della lingua, lo spazio tra i singoli denti, il bordo gengivale, sono veri e propri ricettacoli di batteri e come tali focolai di cattivo odore.
L’alito cattivo è solitamente causato dalla rottura delle proteine da parte dei batteri presenti in bocca. Consumo di alimenti e bevande come aglio, cipolla, formaggio e succo d’arancio sono spesso alla base di tale fenomeno, così come fumare o mangiare tabacco.


Altri fattori del cattivo odore sono invece i seguenti:

  • Malattie gengivali

  • Carie

  • Accumulo di cibo tra i denti

  • Infezioni della gola

  • Vermi intestinali

  • Costipazioni e altri disturbi intestinali come la gastrite


Cosa fare per combattere ed eliminare l'alito cattivo?

Ecco alcuni dei più semplici ma efficaci rimedi Naturopatici contro l’alito cattivo:

  • Lavarsi i denti dopo ogni pasto

  • Effettuare gargarismi con bicarbonato di sodio sciolto in acqua tiepida (efficace anche per la pulizia della lingua)

  • Bere una tazza di the zuccherato

  • Masticare alcuni di semi di girasole e bere un bicchiere d’acqua dopo i pasti

  • Mangiare yogurt per sei settimane

  • Bere the a base di semi di fieno greco

  • Masticare un chiodo di garofano dopo i pasti

  • Fare frequenti gargarismi con acqua e limone

  • Bere succo d’ananas

  • Mangiare mele ogni giorno così da purificare la bocca elimando i batteri che causano il cattivo odore

  • Masticare semi di cardamono per addolcire il respiro (il cardamono agisce come un deodorante del respiro)

  • Evitare l’uso di collutori contenenti coloranti e alcol

  • Mangiare prezzemolo

  • Bere succo di limone (ne basta mezzo) con un bicchiere d’acqua dopo ogni pasto

  • Praticare l’idrocolonterapia.

  • Assumere alimenti ricchi di zinco così da mantenere sotto controllo i batteri anaerobici della bocca

  • Sciacquare la bocca con perossido di idrogeno (ACQUA OSSIGENATA) prima di lavarsi i denti, uccide i germi del cavo orale.



Come facevano i nostri nonni a combattere l’alito cattivo?
Nonna Ada consiglia di masticare
foglie di menta per rinfrescare l’alito.



N. B. Questi consigli sono solo a titolo informativo, in generale, per la soluzione del tuo problema personale, fissa un appuntamento, in studio da me e troveremo la soluzione mirata, per il tuo benessere.
Claudio Dianese – Naturopata tel. 338 6599580.

18 Maggio 2013

 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu